La rivista »

Simone Weil e Hannah Arendt sulla violenza

Simone Weil

 

 

Il contatto con la spada contamina comunque,

che avvenga dal lato dell’impugnatura o da quello della punta.”

(Quaderni, III, p.195)

 

“E’ possibile amare ed essere giusti solo se si conosce l’imperio della forza

 e si è capaci di non rispettarlo.”

(L’Iliade, poema della forza, p.38)

 

 

 

Hannah Arendt

 

“Il potere emerge ogni volta che la gente si unisce e agisce di concerto,

ma deriva la sua legittimazione dal fatto iniziale di trovarsi assieme

piuttosto che da qualche azione che ne può in seguito derivare.

La legittimazione, quando è messa in discussione, si basa su un appello al passato,

mentre la giustificazione è in rapporto con un fine che sta nel futuro.

La violenza può essere giustificata, ma non sarà mai legittimata.

La sua giustificazione perde di plausibilità quanto più il fine ricercato si allontana nel futuro.”

( Sulla violenza )

 

 

“La pratica della violenza, come ogni azione, cambia il mondo,

ma il cambiamento più probabile è verso un mondo più violento.”

( Sulla violenza )

 

 

 

 

Condividi:
FacebookTwitterGoogle+