La rivista »

In principio le madri. Heide Goettner-Abendroth, Le società matriarcali. Studi sulle culture indigene del mondo

Heide Goettner-Abendroth, Le società matriarcali. Studi sulle culture indigene del mondo, Roma, Venezia, 2013 (Collana Le Civette Saggi)

 

Il termine “matriarcato” è spesso accompagnato da molti malintesi, in riferimento sia alla parola stessa sia alle culture che descrive. Data la somiglianza linguistica, le società matriarcali sono spesso intese come immagini speculari di quelle patriarcali, considerate come “dominio”: un dominio che fa sì che una minoranza si sostituisca ad un’intera cultura, esercitando un potere che deriva da strutture impositive, proprietà privata, conquiste coloniali, conversioni religiose.

Società matriarcali di tal genere non esistono e non sono mai esistite. “Matriarcato” non significa “dominio di donne”; indica, invece, società create dalle donne: sono società egualitarie di genere, dove la funzione delle donne è centrale, ma è la collaborazione sociale dei due sessi che regola il funzionamento generale della società stessa e la libertà dei due generi. Il sapere economico, politico, sociale e culturale di queste società create da donne è mantenuto, sviluppato e tramandato da donne e uomini in egual misura.

Il significato più antico della parola greca ᾀρχή (arché) è “inizio”, “principio”, “cominciamento”. Da non confondersi con l’altro significato, che pure ha, di “dominio”, “comando”, “governo”, “signoria”, “regno”. I due concetti sono distinti e non possono essere sovrapposti.

“Matriarcato” significa dunque “all’inizio le madri”, «alludendo con ciò sia al dato biologico che le donne generano l’inizio della vita tramite il parto, sia al dato culturale che l’inizio della civiltà è stata creata da loro» (p. 8). Le madri danno origine al gruppo, alla generazione futura e dunque alla società: «le madri sonochiaramente l’inizio; nel matriarcato non hanno bisogno di imporre il loro ruolo con la dominazione» (ibid.). Non, dunque, un rovesciamento del patriarcato, come spesso erroneamente si intende, ma società basate su valori materni, come il prendersi cura, il nutrimento, la pace attraverso la mediazione. Sono valori che valgono per tutti: per chi è madre e per chi non lo è, per le donne e per gli uomini, per gli esseri umani e per la natura di cui fanno parte. Società orientate verso il bisogno, invece che verso il potere.

Con questa premessa limpidamente chiarificatrice inizia il libro della filosofa tedesca Heide Goettner-Abendroth: Matriarchal Societies. Studies on Indigenous Cultures across the Globe (New York, Peter Lang Publishing, 2012. Il libro era stato pubblicato per la prima volta in lingua tedesca, nel 1988-2000, da Kohlhammer Verlag, Stuttgart), il primo dell’Autrice che sia stato ora tradotto in italiano (trad. di Nicoletta Cocchi e Luisa Vicinelli).

Heide Goettner-Abendroth, nata nel 1941, dopo aver conseguito il Dottorato di ricerca in Filosofia nel 1973 presso l’Università di Monaco, con una tesi nell’ambito della teoria della scienza, ha insegnato per dieci anni Filosofia moderna presso la stessa sede universitaria. Ma si sentiva costretta in un mondo ed in una lettura del mondo che non la includeva come donna: quel sistema filosofico euroccidentale che si riflette anche nell’uso linguistico, dove “essere umano” e “uomo” sono interscambiabili, presupponendo la valenza anche per l’identità femminile e, di fatto, escludendola totalmente.

Fu sorpresa nel rintracciare nell’epoca storica che ha preceduto la civiltà europea greca e romana un mondo ed un modo di pensare che includesse la donna ed iniziò ad analizzare i modelli sociali e mitologici delle culture prepatriarcali europee, mediterranee e mediorientali. Ma di quelle antiche culture dell’Europa, del Mediterraneo e del Medio Oriente restano solo frammenti, spesso distorti da interpretazioni relativamente recenti.

Il suo interesse, più che storico, è invece per la vita attuale e contemporanea; le sue indagini sono «focalizzate su come la gente vive e si comporta, fa festa e politica nelle società matriarcali» (p. 11). Iniziò dunque a considerare, ed a frequentare, altre popolazioni, geograficamente distanti dall’Europa e dal Mediterraneo, dove trovò numerose testimonianze di società matriarcali. Si recò presso il popolo dei Mosi, nel sud-ovest della Cina, i Khasi, nell’India nordorientale; in alcune zone del Nepal, del Tibet, della Corea, in alcune isole del Giappone, in Indonesia, in Oceania e in Polinesia, presso alcuni popoli del sud, centro e nord America; nell’Africa centrale e occidentale e presso i Tuareg del nord.

Lentamente, viaggio dopo viaggio, iniziò a delinearsi in lei una prospettiva molto diversa della società e della storia: dalla descrizione strutturale delle società che andava conoscendo emergevano delle linee fondanti di quello che lei definisce il paradigma del matriarcato. Un paradigma che non è circoscritto alla condizione delle donne e non alimenta antagonismi essenzialisti; si rivolge invece alla struttura complessiva della società: donne e uomini, vecchi e giovani, natura umana e non umana.

In questo libro Heide Goettner-Abendroth non solo racconta le sue conoscenze storico-culturali, maturate vivendo all’interno delle società indigene di cui parla, scoprendone la struttura profonda, ma inizia anche a costruire una teoria, una forma teoretica che consenta di riconoscere una società matriarcale quando la si incontra, che consenta dunque di descriverla in modo adeguato.

Dopo un’introduzione generale sulla filosofia e metodologia degli studi matriarcali moderni ed un capitolo di storia critica del pensiero sul matriarcato, il libro si dipana in altri 17 capitoli, ognuno dei quali è dedicato all’analisi di una specifica società e termina con un paragrafo invariabilmente intitolato «Per comprendere la struttura delle società matriarcali (continua)». Qui vengono messe in evidenza alcune linee fondamentali, in relazione alla singola popolazione considerata, in considerazione dell’aspetto economico, di quello sociale, di quello culturale, politico, religioso. Una sorta di “costruzione teoretica” che si forma a puntate, basandosi su racconti ed esperienze concrete, che è fondata su lunghi anni di ricerca sistematica, ma è tuttora “aperta”, destinata a svilupparsi ulteriormente [come indica esplicitamente la parola «continua» posta anche al termine dell’ultimo capitolo di testo (p. 632)]. Segue, prima della Bibliografia, un ampio Glossario(pp. 637-655), di specifico e particolare interesse.

Si delinea così la “definizione strutturale” di matriarcato, una definizione chiara e sistematica che si sviluppa in modo induttivo a partire dall’indagine analitica di queste società.

Alcuni degli elementi fondanti, comuni alle diverse società, possono essere così parzialmente sintetizzati: a livello economico, le società matriarcali creano un’economia bilanciata; le donne distribuiscono i beni e ricercano sempre la mutualità economica; è un’economia che ha caratteristiche in comune con “l’economia del dono”. Vengono perciò definite società di mutualità economica basate sulla circolazione dei doni.

A livello sociale, sono società orizzontali, non gerarchiche, di discendenza matrilineare.

A livello politico, si basano sul consenso, che produce uguaglianza non solo di genere, ma nell’intera società. Vengono definite società egualitarie di consenso.

A livello religioso e culturale sono caratterizzate da una profonda attitudine spirituale che permea ogni aspetto della vita; tutto il mondo è considerato divino ed ha origine nel divino femminile; questo dà vita a una cultura sacra. Vengono perciò definite società e culture sacre del divino femminile.

Sulla base delle indagini condotte su specifiche società, viene quindi sviluppata e continuamente ampliata una definizione strutturale che formuli le interrelazioni intrinseche che connettono tutte le parti di quella data società, le interconnessioni interne e la loro integrazione, restituendone un insieme coerente. È un lavoro interdisciplinare, dall’antropologia, all’insieme delle scienze umane e sociali, ad alcune branche delle scienze naturali, alla filosofia; qui l’accento non viene posto sulla specializzazione, bensì sul riconoscimento e l’integrazione delle connessioni storiche e sociali.

Di grande interesse, e in parte complementari, sono gli studi dei ricercatori indigeni che analizzano la loro società avanzando motivate critiche al modo frammentario e degradante con cui la scienza coloniale si è spesso rapportata alle loro culture e mettendo il loro sapere al servizio delle lotte per l’autodeterminazione dei popoli, l’identità culturale, i diritti alle terre. In tali contesti, la tradizione orale non è da meno delle fonti storiche scritte e delle testimonianze archeologiche.

Sono molteplici, dunque, le prospettive di approccio per le quali l’originale ricerca di Heide Goettner-Abendroth riveste un interesse vivissimo. Non ultimo il punto di vista politico, per cui si intreccia con gli intenti di vari movimenti alternativi all’ideologia patriarcale nei suoi tentacolari aspetti: dal femminismo, presente in ogni continente, con la considerazione delle donne come soggetti agenti nella società e nella storia; a tutte le concezioni alternative alle politiche del profitto e della globalizzazione capitalista, alternative alla crescente violenza e militarizzazione delle nostre società.

Si tratta di un cambiamento completo di prospettiva: non da una teoria “universale” alla sua applicazione, ma una struttura teoretica, fondata sulle strutture di base, che apre una molteplicità di compiti ulteriori e che può essere perciò ulteriormente e proficuamente sviluppata da altri. Un nuovo campo della conoscenza che tocca il contenuto di tutte le scienze culturali e sociali; uno strumento scientifico per una rivisitazione della storia culturale del genere umano che, eliminando le distorsioni apportate dal pregiudizio patriarcale, consenta di sviluppare una nuova interpretazione della storia umana: non una storia di dominio, una storia vista dall’alto, dalla prospettiva dei dominatori, ma una prospettiva dal basso, dalla storia delle donne, delle classi più basse, dei popoli indigeni: storia delle subculture e delle culture marginali, che si combina con una economia del dono e di sussistenza locale e regionale che dà indipendenza economica alle persone.

Affinché una nuova visione del mondo, basata sulle più antiche e durevoli tradizioni matriarcali, entri a far parte della coscienza pubblica, per rendere la saggezza matriarcale, basata sulla cura reciproca e l’amore, uno stile di vita fruibile per il presente. Ciò che è stato, ciò che ancora è, sia pure in forma minoritaria, potrà ancora essere, se si studia e si lavora in questa direzione; sfuggendo alla crescente frammentazione e competizione delle nostre società, ad un’economia basata sull’ulteriore aumento della grande industria, delle espansioni militari, del profitto: una direzione, questa, che sta portando solitudine ed infelicità per i singoli, potenziale distruzione per l’intera vita sulla terra.

Condividi:
FacebookTwitterGoogle+